Crauti rossi stufati

Ti Racconto Una Ricetta, Ricette Italiane Tradizionali... ma non solo!

Crauti_rossi_stufati_1

Crauti rossi stufati

Tempo di cottura: 40-45
Tempo di preparazione: 60
Portata:    Contorno
Difficoltá:    Facile
Nazione:     Italia
Regione:    

Crauti rossi tagliati sottili e lasciati cuocere lentamente con vino ed aceto e profumati con cipolla, alloro e ginepro. I crauti rossi stufati sono un contorno prezioso della tavola invernale. I crauti rossi sono un perfetto contorno per carne di maiale e salsicce.

 

Procedimento

Ridurre le foglie del cavolo cappuccio rosso a listarelle molto sottili, lavarle con acqua fresca, sgocciolarle e metterle in una casseruola con l’aceto, il vino, l’acqua, l’alloro, la cipolla tagliata a fettine, il ginepro, 6 cucchiai di olio.

Salare e mettere a cuocere a fuoco medio per 40-45 minuti con un coperchio fino a quando le foglie del cavolo si saranno ammorbidite.

Quindi scoperchiare la casseruola e lasciare consumare l’eventuale liquido in eccesso.

Servire i crauti rossi stufati caldi, ottimi per accompagnare piatti di carne alla brace, carne di maiale o salsicce.

 

TI RACCONTO QUESTA RICETTA

Tra le verdure dell’orto invernale c’è il cavolo cappuccio.

Quella rossa è una varietà forse poco utilizzata ma altrettanto buona rispetto a quello chiaro. Il colore che il cavolo cappuccio rosso dona ai crauti stufati è stupendo.

Il viola di questi crauti illumina il piatto di portata ed il loro sapore deciso ed intenso, con i profumi dell’alloro e del ginepro appagano il palato.

PAROLE DA RICORDARE

Crauti, crauti rossi, crauti stufati, crauti rossi stufati, cavolo, cavolo cappuccio, cavolo cappuccio rosso, cavolo cappuccio stufato

INGREDIENTI PER 6 PERSONE

PROPRIETÁ NUTRIZIONALI

Una porzione di 120 g di crauti rossi stufati apporta circa 60 kcal.

Sono una buona fonte di folati e vitamina C.